• Apprezza il primo barometro dell'opinione pubblica andalusa conosciuto oggi e afferma che "gli andalusi affermano che il cambiamento funziona e la fiducia si sta generando in Andalusia"
• Emerge che Juanma Moreno è il leader politico più apprezzato e che oltre il 35% degli intervistati considera buona o molto buona l'azione del governo andaluso.
Il presidente del PP di Malaga e portavoce del PPA, Elías Bendodo, ha valutato oggi il primo barometro dell'opinione pubblica in Andalusia preparato dal Centro di studi andalusi (Centra), pubblicato oggi, e ha evidenziato che le conclusioni principali estratte da questo sondaggio è che "l'illusione che gli andalusi hanno espresso alle urne il 2D è ancora presente, si consolida e si apprezzano i primi risultati". Per Bendodo "il cambiamento funziona e sta generando fiducia negli andalusi".

Nel suo discorso, in una riunione regionale del PP della Costa del Sol tenutasi a Marbella e alla quale hanno partecipato il sindaco della città, Ángeles Muñoz, e il sindaco di Benahavís e presidente del Commonwealth della Costa del Sol occidentale, José Antonio Mena, Bendodo ha sottolineato che "gli intervistati vedono la realtà economica e politica dell'Andalusia molto più positiva rispetto al resto della Spagna".

In questo senso ha aggiunto che qui in Andalusia c'è stabilità con i Bilanci 2019 approvati, quelli del 2020 garantiti con il sostegno parlamentare e le tasse abbassate, il che significa "un messaggio di certezza e fiducia che contrasta l'instabilità del resto della Spagna". . Pertanto, per Bendodo "l'Andalusia è una linea nel mare che trasmette un messaggio di ottimismo, fiducia e ottimismo".

Allo stesso modo, ha indicato che "questo sondaggio mostra che gli andalusi vedono la realtà politica ed economica dell'Andalusia in modo più positivo rispetto al resto della Spagna" e ha evidenziato che "il numero di andalusi che ritengono che la situazione politica sia cresciuta è meglio di un anno fa".

Nelle parole di Bendodo, "c'è il 6 per cento degli andalusi che crede che le cose stiano migliorando in questi sei mesi in Andalusia e il 30 per cento crede che la situazione migliorerà entro un anno". Pertanto, ha aggiunto, "gli andalusi hanno fiducia nel governo del cambiamento, si sentono a proprio agio con questo governo e nutrono grandi speranze che le cose andranno meglio in futuro",

Per Bendodo il “cambiamento funziona” ed è così che lo certificano gli andalusi. In questo senso, ha ricordato che "più di 35 per film giudicano buona o molto buona l'azione del governo", pur considerando Juanma Moreno come il leader più apprezzato, seguito dal vicepresidente della Junta de Andalucía, Juan Marín . A questo punto, Bendodo ha anche indicato che "meno del 27 per cento ritiene che Susana Díaz farebbe meglio di Juanma Moreno".

"Questi dati ci permettono di affermare che il cambiamento si sta consolidando, che gli andalusi non vogliono in nessun caso tornare alle fallite ricette del socialismo che avevano posto l'Andalusia praticamente nel vagone di coda di tutti gli indicatori socioeconomici".

Il popolare ha anche fatto riferimento al problema principale degli andalusi, come si evince da questo sondaggio, che è la disoccupazione. In tal senso, ha ricordato che il tasso di disoccupazione al 21 per cento è il più basso degli ultimi dieci anni, "e questo indica che siamo sulla strada giusta e che i buoni dati economici degli ultimi mesi non sono un caso, perché stiamo creando fiducia , certezza e stabilità per creare posti di lavoro in Andalusia”.

Insomma, ha concluso Bendodo, "questo sondaggio incoraggia e aiuta il governo andaluso a continuare a lavorare per consolidare il cambiamento, riflette che gli andalusi sono felici e, in termini di risultati elettorali, si vede che le forze del cambiamento continuano a sommarsi. "