• Loles López annuncia misure, come il sostegno alle donne imprenditrici e incentivi alle aziende per contratti stabili, per "porre fine al tasso di disoccupazione soffocante, superiore al 29%, e ridurre il divario salariale"

• Ha sottolineato, in occasione della Giornata contro la violenza di genere, che è “fondamentale” un Patto andaluso, in cui tutti i partiti politici, le amministrazioni e gli attori sociali siano coinvolti per “porre fine una volta per tutte a questa piaga sociale "

La segretaria generale del PP andaluso e numero uno di Huelva in Parlamento, Loles López, ha dichiarato questa domenica che "a Huelva e in Andalusia non possiamo fare a meno del talento e delle capacità delle donne" e, per questo, ha proseguito, "abbiamo Dobbiamo porre fine al soffocante tasso di disoccupazione femminile a Huelva, sopra il 29%, due punti in più rispetto alla media andalusa, e ridurre il divario salariale di genere”.

In questo modo, ha affermato che dal governo andaluso, "dopo aver ottenuto la fiducia di Huelva e andalusi alle urne in 2D", "il PP attuerà con urgenza un piano shock contro la disoccupazione femminile e a favore dell'occupabilità e dell'uguaglianza delle donne nel lavoro”.

Tutto questo, ha aggiunto, "con misure che aiutano ad alleviare i tassi di disoccupazione sempre più alti, quasi 11 punti in più in Andalusia rispetto alla media nazionale (16,2%), e la precarietà del lavoro subita dalle donne in Andalusia, e che correggono l'assenza negli ultimi 40 anni di governi socialisti, sostenuti da IU e Ciudadanos, di misure di azione positiva nella progettazione, attuazione e valutazione delle politiche del pubblico impiego e di riattivazione economica delle pari opportunità.

Tra queste misure, López ha alluso a un "Piano di sostegno alle donne imprenditrici" con incentivi fiscali e specifiche linee di finanziamento (microcrediti e garanzie) "per promuovere il lavoro autonomo tra le donne e promuovere iniziative imprenditoriali".

Il segretario generale del PP Andaluz, in un atto a Valverde del Camino, ha ricordato che il programma elettorale del Partito popolare comprende un piano di sostegno alle donne rurali, "con un budget specifico", e un programma contro la discriminazione lavorativa e salariale delle donne andaluse che , tra le altre azioni, comporterà la "promozione di un tavolo di lavoro permanente con le organizzazioni imprenditoriali e sindacali".

Allo stesso modo, per combattere il divario salariale, ha sottolineato che "quando Juanma Moreno sarà presidente, richiederà a tutte le aziende che stipulano contratti con il Consiglio o richiedono aiuti di avere un certificato di parità salariale e occupazionale tra uomini e donne".

Conciliazione
López ha anche sottolineato le proposte del PP per la conciliazione lavorativa, personale e familiare, con misure che passano attraverso "incentivi" rivolti alle aziende che facilitano la conciliazione con orari flessibili nella giornata lavorativa, contratti stabili e a tempo indeterminato e la conversione del part-time contratti a tempo pieno.

Parimenti, ha annunciato una “sgravatura fiscale” per la conciliazione lavoro-famiglia “per ogni bambino tra i tre e i cinque anni, estesa a tutte le lavoratrici madri e non limitata alle sole famiglie monoparentali, incorporando incentivi per il lavoro telematico ".

A questo punto ha spiegato che a questa proposta si affianca uno dei “provvedimenti a venti stelle” del Partito popolare per l'Andalusia, riferito alla “garanzia dell'istruzione gratuita da 0 a 3 anni”. “Susana Díaz e il suo compagno Ciudadanos hanno punito le famiglie con redditi medi e bassi e gli asili nido con il 'decreto' agli asili nido. Garantendo un'istruzione gratuita ai nostri bambini e bambine da 0 a 3 anni, rendiamo possibile la riconciliazione familiare in molte case”.

Violenza di genere
In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che si celebra il 25 novembre, Loles López ha indicato che è "fondamentale" scommettere su un "Patto andaluso contro la violenza di genere" concordato da tutte le forze politiche, sociali agenti, istituzioni, pubbliche amministrazioni e associazioni che operano in questo campo “per porre fine una volta per tutte a questa piaga sociale”. "Questo patto è un simbolo del consenso necessario su cui dovrebbe imperniare l'azione politica e pubblica contro la violenza sulle donne".