• “Siamo persone di parola e quando diciamo qualcosa, la realizziamo. AA e CS si metteranno d'accordo con il PSOE se possono"
  • Avverte Díaz che “non gli permetteremo di cercare di mettere a tacere la voce del PPA. Apriremo porte e finestre per scoprire che fine hanno fatto i nostri soldi e la corruzione socialista”
  • Accusa Díaz di sfuggire al dibattito nazionale e avverte che "l'Andalusia è la prima tappa per affrontare il movimento indipendentista"

Il presidente del PP andaluso e candidato alla presidenza del consiglio, Juanma Moreno, ha firmato oggi davanti a un notaio che il PPA "non presterà i voti degli andalusi in modo che il PSOE di 40 anni, il PSOE del milioni di disoccupati, continua a governare, il PSOE delle liste d'attesa, il PSOE del fallimento nell'Istruzione e il PSOE della corruzione”. Inoltre, ha sfidato i candidati di Adelante Andalucía, Teresa Rodríguez, e "in modo speciale", di Ciudadanos, Juan Marín, ad andare dal notaio per dire la stessa cosa.

Moreno ha affermato che nel PPA "siamo persone di parola, rispettiamo e quando diciamo una cosa, la facciamo". Ha assicurato che "siamo abituati ad altri partiti che dicono una cosa durante la campagna e poi fanno qualcos'altro".

Così, ha ricordato che Ciudadanos è stato presentato nel 2015 con uno slogan di cambiamento e ha detto che sarebbe "poco dignitoso" che i loro voti servissero il PSOE, ma "è stato il partner più sottomesso dell'autonomia e non ha mai dato così tanto al PSOE in cambio di niente”. Ha anche avvertito che Adelante Andalucía "sta già dicendo che sosterrà il PSOE in modo che la destra non governi, come a Madrid dove Pablo Iglesias è di fatto il vicepresidente del governo".

Il candidato popolare ha affermato di “mettere in quarantena” la promessa di Ciudadanos di non accordarsi nuovamente con il Psoe perché “siamo terrorizzati, Ciudadanos si sente a suo agio con il Psoe, hanno avuto la possibilità da quattro anni e non hanno fatto nulla per cambiare il governo dell'Andalusia”.

Pertanto, ha predetto che sia Adelante Andalucía che Ciudadanos "se possono, saranno d'accordo con il PSOE", per il quale ha sottolineato che il PPA è "l'unica garanzia di cambiamento e promettiamo che" non un solo voto che vada a il PPA servirà a facilitare un governo di Susana Díaz”. Ha fatto appello al voto di "tutti gli insoddisfatti della corruzione e della cattiva gestione" del Psoe perché "c'è solo un'opzione per il cambiamento dopo 40 anni e siamo molto vicini a che quel cambiamento diventi realtà".

DÍAZ VUOLE CALMARE LA CORRUZIONE

D'altra parte, Juanma Moreno ha fatto riferimento alla campagna socialista sui presunti insulti all'Andalusia e ha avvertito che Díaz "confonde l'Andalusia ei suoi interessi particolari, quindi non gli permetteremo di provare a mettere a tacere la voce del PPA".

Ha aggiunto che "abbiamo l'obbligo di denunciare e parlare chiaramente agli andalusi" e ha dato come esempio che non è un insulto spiegare agli andalusi, ad esempio, che oggi abbiamo appreso che il ministro della Salute l'ha tappata figlia in un ospedale di Siviglia”.

"Quello che dovete fare - ha aggiunto - è aprire porte e finestre per sapere che fine hanno fatto i nostri soldi, con l'Ere, con le Faffe, con le tessere di consiglio usate nei bordelli e con le spine del socialismo".

Ha anche rimproverato a Díaz che "prima tutto era la Spagna e parlava solo del governo di Mariano Rajoy e ora cerca di impedirci di parlare dei problemi che abbiamo in comune con il resto degli spagnoli". Ha assicurato che gli andalusi "ci interessa sapere, ad esempio, se Díaz è d'accordo sul fatto che le bandiere ei simboli che uniscono tutti gli spagnoli possano essere attaccati".

Ha affermato che "l'Andalusia è la prima tappa per affrontare il movimento indipendentista" e ha chiesto "perché non possiamo parlare del dibattito nazionale se l'Andalusia è la comunità autonoma più importante della Spagna". "O è che Díaz non considera più che siamo parte della Spagna?", ha concluso.