• Chiede ai partiti di "saper leggere i risultati" delle elezioni: gli andalusi vogliono il cambiamento e nessuno può spezzare quell'illusione
• "L'alternanza in Andalusia era necessaria per completare la Transizione"
• Moreno, convinto che ci sarà un dialogo “franco, diretto e proficuo” con Ciudadanos

La presidente del PP andaluso e candidata alla presidenza della giunta, Juanma Moreno, ha chiesto oggi alla presidente ad interim della giunta, Susana Díaz, di "leggere i risultati" delle elezioni regionali, e di "chiudere degnamente" il palco del socialismo in Andalusia dopo quattro decenni di governi del PSOE.

Ha detto che Díaz "ha tutto il diritto del mondo di restare all'opposizione", ma gli ha chiesto "di non mettere i bastoni tra le ruote del cambio di governo e che abbiamo una transizione calma, serena e ordinata nel governo della Giunta dell'Andalusia”. "I risultati sono chiari, gli andalusi vogliono un cambiamento dopo quattro decenni di governo socialista", ha sottolineato.

Juanma Moreno ha rilasciato queste dichiarazioni durante il suo discorso alla chiusura del Consiglio di amministrazione provinciale del PP di Siviglia, dove ha insistito sul fatto che i partiti "devono capire il messaggio dei sondaggi" e "saper leggere i risultati" di le elezioni 2D . Ha rimproverato al presidente del Consiglio pro tempore di aver "chiuso contratti nell'amministrazione" nei giorni scorsi, riportando, ha sottolineato, "il fantasma del tamponamento"; o che abbiano nascosto il Piano Economico Finanziario che hanno presentato al governo dopo aver violato la regola della spesa, come ha denunciato questa mattina in conferenza stampa il segretario generale dei popolari, Loles López.

Moreno ha affermato che sia il PP che lui stesso hanno una "responsabilità politica e morale nei confronti di centinaia di migliaia di andalusi che hanno chiesto un cambiamento", e ha sottolineato che "nessuno può stroncare quell'illusione". Con la stessa premessa di "responsabilità", ha fatto riferimento al giro di colloqui che il Pp inizia domani con Ciudadanos, sul quale è convinto che sarà "un dialogo franco, diretto e fruttuoso".

Ha detto che si stanno vivendo "giorni storici" che "hanno scosso le fondamenta dell'onnipotente apparato socialista" e che questa alternanza, che è "l'essenza della democrazia", ​​era necessaria affinché l'Andalusia avvenisse "per porre fine al conflitto spagnolo Transizione”.

“Il cambiamento è già qui ed è qui per restare; il cambiamento è che l'Andalusia funzioni”, ha detto Moreno, che ha sottolineato di avere “una squadra di persone formate per governare e attuare le riforme che iniziano a migliorare l'Andalusia con entusiasmo e impegno”.

Infine, ha fatto riferimento ai suoi impegni a Siviglia, tra i quali ha evidenziato l'intera rete metropolitana, il recupero dell'Ospedale Militare e l'impegno per un potente settore industriale. "Saremo un'amministrazione vicina e impegnata, che attuerà i progetti bloccati che hanno limitato lo sviluppo della provincia", ha concluso.