• Chiede la prossima settimana che il Ministro della Salute si presenti in Parlamento

• "La sanità andalusa è stata chiusa per ferie e sarebbe crollata se non fosse stato per lo sforzo e l'impegno vocazionale dei professionisti"

• Sostiene un grande patto per l'acqua in Andalusia "con investimenti per alleviare la siccità"

Il presidente del PP andaluso, Juanma Moreno, ha affermato oggi ad Almería che professionisti e cittadini chiedono "spiegazioni convincenti e realistiche sul triste evento all'ospedale di Valme", ​​per il quale ha chiesto che il ministro della Salute, Marina Álvarez, compaia in il Parlamento dell'Andalusia la prossima settimana "per darci tutti i dettagli di quanto è accaduto e sulla manutenzione degli ascensori nel sistema sanitario pubblico".

Moreno ha affermato che "i cittadini ritengono che gli ospedali servano a salvare vite, non a perderle", per cui ha ritenuto che "sarebbe positivo se ci fosse trasparenza e tutti gli ascensori fossero controllati".

Ha sottolineato che gli stessi lavoratori denunciano che i tagli che Susana Díaz ha operato nel sistema sanitario pubblico stanno deteriorando l'erogazione e il mantenimento dei servizi, quindi "sarà rassicurante se il consulente darà spiegazioni".

Il leader popolare ha anche chiesto che il presidente della Junta de Andalucía “uscisse dal letargo festivo e mostrasse il suo volto, dando spiegazioni su questo evento e sulla situazione sanitaria degli ultimi mesi”. Ha aggiunto che la sanità andalusa è stata "chiusa per ferie e che se non fosse stato per lo sforzo e l'impegno professionale dei professionisti sarebbe crollata".

Ha assicurato che "molti utenti e molti professionisti pensano che l'assistenza sanitaria non possa essere gestita come è stata gestita quest'estate, e per questo dovrebbe spiegare Susana Díaz".

PATTO PER L'ACQUA

D'altra parte, Juanma Moreno ha sostenuto un grande patto per l'acqua in Andalusia e ha ricordato che "3 mesi fa ho chiesto a Díaz in Parlamento e ogni settimana che passa la situazione dei bacini peggiora, con alcune teste intorno al 30% di le sue capacità e in una situazione simile a quella che abbiamo vissuto nel 1995”.

Ha assicurato che "tutti confidiamo che pioverà questo autunno ma se non piove, dobbiamo anticipare cosa accadrà all'agricoltura, all'industria e all'approvvigionamento di alcuni comuni che hanno già seri problemi".

Moreno ha ritenuto "molto importante che si raggiunga un grande patto in cui siano rappresentate tutte le amministrazioni, locali, regionali e nazionali, nonché i settori produttivi legati all'acqua, in particolare l'agricoltura". Ha sottolineato che in questo patto va fatta "una diagnosi delle opere che devono essere fatte con maggiore urgenza e di come possiamo, insieme, con gli investimenti, prevedere e alleviare la situazione di siccità".

Ha ricordato che la Junta de Andalucía ha poteri nel bacino del Mediterraneo e ha considerato che "c'è una mancanza di interesse, lungimiranza e volontà di raggiungere un accordo in materia".