• Il presidente del PP andaluso ha incontrato le persone colpite da diverse province dopo che il PSOE ha bocciato una proposta del PP per poter avviare il processo di regolarizzazione
• Si trattava di un emendamento presentato alla legge sulle misure contro il cambiamento climatico che è stato discusso e votato questo pomeriggio nella sessione plenaria del parlamento andaluso

Il presidente del PP andaluso, Juanma Moreno, ha promesso oggi che, se eletto presidente del Consiglio, modificherà i regolamenti e le leggi necessarie per risolvere il problema degli alloggi non regolamentati nella comunità, che colpisce circa 250.000 famiglie.
"Prometto di risolvere una situazione che colpisce le famiglie che vogliono vivere normalmente e serenamente, prometto di modificare le regole e le leggi necessarie affinché abbiano una seconda possibilità e possano vivere senza un problema che alcune famiglie combattono da 30 anni e querelare”.
Juanma Moreno ha rilasciato queste dichiarazioni durante l'incontro che ha tenuto questo pomeriggio in Parlamento con i rappresentanti delle associazioni di coloro che sono stati colpiti da questa situazione, come AUAN e Alcances, della zona di Almanzora ad Almería; COAVE, da El Puerto de Santa María; SOIA, della regione dell'Axarquía di Málaga; e Carmona, nella provincia di Siviglia.
L'incontro è avvenuto dopo che il PSOE ha respinto una proposta del PP per avviare il processo di regolarizzazione di queste abitazioni. L'iniziativa era stata presentata come un emendamento alla legge sulle misure contro il cambiamento climatico, che è stata discussa e votata questo pomeriggio nella sessione plenaria del Parlamento andaluso.
Il Partito Popolare è riuscito a introdurre questo emendamento su richiesta delle associazioni interessate e dei Sindaci di quei comuni.
La Junta de Andalucía, responsabile dell'urbanistica, non ha riconosciuto questo problema per 16 anni. Da quando è stata approvata la LOTA (Legge Andalusa sulla Gestione del Territorio), questa regola è stata modificata fino a 12 volte. Anche la LOUA (Legge urbanistica andalusa), con la modifica approvata nell'aprile di quest'anno, ha subito 12 modifiche.
Questa fusione normativa ha causato una grande incertezza giuridica e non è riuscita a risolvere la situazione di queste famiglie.
Con la bocciatura dell'emendamento presentato dal PP, anche il PSOE volta le spalle ai sindaci e addebita loro, a causa della pessima gestione urbanistica dell'Ente, di non poter fornire i servizi di base ai propri cittadini per la mancanza di un norma che li tutela.