• Sottolinea l'esistenza di un patto nascosto tra Díaz e Sánchez "in modo che Díaz non venga spostata dalla sua sedia in cambio del suo silenzio"
• Il PP andaluso chiede che il segretario generale del PSOE-A si pronunci dopo la polemica delle conversazioni del governo Sánchez con gli indipendentisti sulla Catalogna
• La concentrazione di domenica: "L'Andalusia è un tassello chiave per l'unità della Spagna e lotteremo per mantenere l'unità e l'uguaglianza di tutti gli spagnoli"
• Loles López partecipa alla Fiera dell'agricoltura e dell'allevamento a Rociana del Condado (Huelva), dove spicca l'impegno del governo di Juanma Moreno per le esigenze storiche del settore

Il segretario generale del PP andaluso, Loles López, ha chiesto oggi alla segretaria generale del PSOE-A, Susana Díaz, di rompere il silenzio di fronte alle polemiche generate dalle conversazioni sulla Catalogna tra il governo Sánchez e gli indipendentisti. López ha ritenuto "sorprendente" che il segretario generale del PSOE-A rimanga "completamente silenzioso", nonostante altri leader regionali del suo partito abbiano già parlato in tutta la Spagna.

Ha detto che il silenzio mostra che a Díaz "non importa dell'Andalusia, solo di se stessa", e ha sottolineato che "tutto indica l'esistenza di un patto nascosto tra Susana Díaz e Pedro Sánchez in modo che non la spostino dalla sedia in cambio per la sua strada, anche se ciò danneggia gli andalusi”.

"Sapevamo benissimo quali erano le loro intenzioni e questo è il riflesso di quel patto che hanno stretto tra i due e che dimostra che per entrambi l'Andalusia è irrilevante", ha detto il leader popolare.

Ha aggiunto che, tuttavia, sia per il presidente della Giunta e del PP andaluso, Juanma Moreno, sia per l'intero partito a livello regionale e nazionale, "l'Andalusia è un tassello fondamentale per l'unità della Spagna", e che, quindi, "lotteremo per mantenere l'unità della Spagna e l'uguaglianza di tutti gli spagnoli, anche se Sánchez e Díaz vogliono il contrario", ha affermato.

Il segretario generale del PP andaluso ha detto che questo è il senso della concentrazione prevista per domenica prossima a Madrid, che vedrà un'ampia rappresentanza del PP andaluso. “La maggior parte degli andalusi crede nell'unità della Spagna e nell'uguaglianza di tutti gli spagnoli. Non vogliamo che Sánchez rompa la Spagna, quello che sta facendo, né cederemo al ricatto degli indipendentisti”, ha concluso.


AGRICOLTURA

Loles López ha rilasciato queste dichiarazioni questa mattina nel comune di Huelva di Rociana del Condado, dove ha visitato la Fiera dell'agricoltura e dell'allevamento "Comarca Doñana". López ha sottolineato l'importanza del settore agro-zootecnico come "pilastro" nella creazione di posti di lavoro, e ha ribadito il "sostegno e l'appoggio" del Partito popolare e del governo di Juanma Moreno, che, ha affermato, "ha un fermo impegno "al settore.

In questo senso, ha detto che il governo della Giunta "lavorerà mano nella mano" con gli agricoltori e gli allevatori, e che l'esecutivo Moreno "conosce le esigenze" del settore, come dimostra il fatto che dall'inizio del il legislatore ha risposto a due delle richieste degli agricoltori e degli allevatori andalusi.

López ha così fatto riferimento all'unificazione dell'Ambiente e dell'Agricoltura nello stesso Ministero che, ha assicurato, "è un'esigenza storica del settore" per facilitarne la quotidianità, così come l'eliminazione dell'imposta sulle successioni e sulle donazioni, "molto legati alla garanzia del ricambio generazionale” nelle aziende agricole e zootecniche.

Sul fronte dell'acqua ha difeso che il Pp "è il partito che apre il rubinetto agli agricoltori", come dimostrano, ha precisato, il trasferimento alla provincia di Huelva approvato in fase di governo da Mariano Rajoy o l'investimento di più oltre 200 milioni in opere idrauliche in provincia. Riguardo alla legge approvata per un secondo trasferimento, denuncia che «nel PGE di Pedro Sánchez non è stato messo un solo centesimo; per Huelva nemmeno una goccia d'acqua».
“È un peccato vedere che Pedro Sánchez viene a Huelva solo per trascorrere l'estate a Doñana; Il resto non conta".
Per quanto riguarda la modifica del Piano per la Corona del Nord, ha affermato che il PP continuerà a rivendicarlo.