• "Termina quella fase di maltrattamento da parte dell'amministrazione autonoma dei Comuni e dei Consigli provinciali non disciplinati dal PSOE"
• "Dialogo ma fermamente per chiedere a Sánchez il finanziamento regionale da 4.000 milioni"

Il vicesegretario per l'organizzazione del Partito popolare andaluso, Toni Martín, ha valutato oggi la visita del presidente della giunta, Juanma Moreno, al consiglio comunale di Siviglia, e ha sottolineato che "il dialogo con tutti è il segno distintivo del nuovo governo ".

In questo senso, ha evidenziato in particolare il dialogo con le amministrazioni locali, indipendentemente dal partito che detiene il governo in esse, come si è visto nel fatto che il primo incontro del Presidente del Consiglio è stato con il sindaco socialista di Siviglia.

“È una novità. Finisce quella fase di maltrattamento da parte dell'amministrazione autonoma di sindaci o presidenti del Consiglio provinciale che non erano del Psoe", ha affermato, ricordando a quel punto che "da anni i sindaci del PP chiedono incontri con Susana Díaz come presidente dell'Assemblea senza che essa si degni di riceverli”.

Allo stesso modo, ha ricordato, "si contano sulle dita di una mano" le volte in cui Díaz ha incontrato Juanma Moreno quando era a capo dell'opposizione, nonostante le ripetute offerte di dialogo e di accordo fatte dal leader dei Popolari Festa. .

A questo proposito, ha sottolineato l'atteggiamento mostrato dal presidente Juanma Moreno, che "fin dal primo giorno ha mostrato la sua disponibilità a mantenere un dialogo fluido e raggiungere accordi con Susana Díaz come attuale capo dell'opposizione".

"Le porte del nuovo governo sono aperte", ha detto, pur ritenendo importante che ci sia un dialogo fluido anche con le parti politiche di opposizione, "soprattutto in un contesto di progressiva radicalizzazione della sinistra" a livello nazionale.

Martín ha sottolineato che il nuovo governo regionale si distingue già per il suo "talento per il dialogo e l'apertura a tutti gli andalusi", come si è visto all'inizio di questa settimana nell'incontro tenuto dal presidente del Consiglio con gli agenti sociali. "Il cambiamento è dialogo, che tutti i cittadini contano allo stesso modo", ha aggiunto.

Ha detto che "la chiave del successo dell'Andalusia sta nel dialogo e nella collaborazione", che è ciò che, a suo avviso, "ha posto il Partito popolare al centro della politica andalusa" e lo ha reso "il grande partito del centrodestra". , grazie agli accordi raggiunti per promuovere il cambiamento politico nella comunità.

FERMEZZA PER RICHIEDERE UN FINANZIAMENTO AUTONOMO DA SÁNCHEZ

Tuttavia, Martín ha voluto sottolineare che "il dialogo non è tiepido", e che sia il PP che il governo Moreno chiederanno "ogni giorno, con fermezza e rivendicazione", un nuovo modello di finanziamento che preveda i 4.000 milioni di euro approvati nel Parlamento di L'Andalusia e che il PSOE della giunta rivendicava il governo di Mariano Rajoy.

Ha detto che il PP "non permetterà" al PSOE-A di "guardare dall'altra parte" e che il PP, come ha affermato dal governo precedente, "lo chiederà fermamente e rivendicativamente al governo Sánchez, ogni giorno , in modo che l'Andalusia sia finanziata come indicato nell'accordo", in modo che "i servizi pubblici essenziali siano adeguatamente finanziati".