• Ricorda che lo scorso ottobre l'ex consigliere ha promesso di avere pronti i budget del Consiglio per il 2019
• Ha criticato il fatto che il PSOE intenda continuare con la "politica della paura" perché non ha ancora accettato di essere all'opposizione:

La vice segretaria della Welfare Society del PP andaluso, Ana Mestre, ha messo in dubbio oggi la fretta che il PSOE intende mettere in atto affinché ci sia un Bilancio per il Consiglio ed è stata favorevole a Ramírez de Arellano "chiedendo scusa agli andalusi per non aver svolto il suo lavoro.

Il leader popolare ha ricordato le stesse dichiarazioni dell'ex consigliere dello scorso ottobre, in cui aveva promesso di "avere il Bilancio pronto questo mese con o senza elezioni". Ha anche affermato poi che era "molto importante che gli attori economici abbiano certezze" e tuttavia, ha detto Mestre, "ha deciso di non spostare un documento in modo che ci fosse un Bilancio 2019".

Secondo il vicesegretario del Pp, "i rimproveri adesso possono venire solo da chi è stato un dirigente irresponsabile, quando sa che il presidente del Consiglio si è insediato da poco più di una settimana".

Il portavoce del Pp era convinto che i socialisti "cerchino solo di ostacolare" la costituzione del nuovo governo, ma che troveranno "una Finanziaria rigorosa, seria, trasparente e con un'ora di viaggio per i ministeri".

Ana Mestre ha indicato che Arellano penserebbe sicuramente ai Bilanci Generali dello Stato che Pedro Sánchez ha presentato, un esempio di "oscurantismo, inefficace e tardivo", quando Juanma Moreno presenterà un Bilancio del Consiglio da "dialogo, senza cordoni sanitari, senza settarismo, dove ognuno si vede rappresentato”.