• "Díaz non può lasciare Moncloa senza i 4.000 milioni di euro aggiuntivi per l'Andalusia e senza un chiaro impegno a cambiare il modello di finanziamento"

• Il presidente del PP andaluso ricorda che il precedente governo "ha lasciato i compiti" e che il governo andaluso ha partecipato alla commissione di studio del Tesoro

• Juanma Moreno chiede a Granada una migliore gestione dell'Alhambra da parte del consiglio di amministrazione e che le entrate tornino a migliorare l'ambiente

Il presidente del PP andaluso, Juanma Moreno, ha denunciato oggi il rinvio della riforma del modello di finanziamento regionale da parte del governo socialista di Sánchez. A suo avviso, "siamo di fronte a una grande incoerenza da parte del PSOE dell'Andalusia e del presidente della Giunta", che, ha detto, "ha calato la maschera" e ha svelato la "grande menzogna che il PSOE negli ultimi tempi anni" utilizzando il finanziamento come elemento di scontro contro il governo del Partito Popolare.

Moreno ha ricordato l'accordo raggiunto dai gruppi del Parlamento dell'Andalusia affinché la comunità riceva, con il nuovo modello, altri 4.000 milioni “per la sanità, l'istruzione e le politiche sociali”.

Tuttavia, ha detto, "il governo della Spagna con Pedro Sánchez è cambiato dall'oggi al domani e non c'è urgenza nel finanziamento o nel calendario"; soprattutto quando, ha ricordato, "il precedente governo ha lasciato i compiti a casa per convocare il Consiglio di politica fiscale e finanziaria". In questo senso, ha ricordato che il governo andaluso ha partecipato alla commissione di studio del ministero delle Finanze dove è stato approvato un calendario.

"È un'incoerenza e un'altra menzogna del socialismo", ha aggiunto.

Ha criticato il "sollievo" del ministro delle finanze, Mª Jesús Montero, "che ha chiesto un nuovo modello per quest'anno 2018 e non appena è sceso dall'AVE a Madrid ha detto che non era più urgente".

Per questo ha insistito affinché, prima dell'incontro che si terrà 23 luglio A Moncloa, il presidente del governo, Pedro Sánchez, e il presidente del consiglio, "Susana Díaz non può partire senza un chiaro impegno a cambiare il modello di finanziamento, un calendario chiaro e come arriveranno i 4.000 milioni aggiuntivi ai bilanci comunitari 2019 .”

"Tutto ciò che lo prolunga nel tempo è un inganno per tutti gli andalusi", ha concluso.

MIGLIORE GESTIONE DEL CONSIGLIO DELL'ALHAMBRA

Juanma Moreno ha rilasciato queste dichiarazioni a Granada, dove ha espresso la sua "preoccupazione" per "la mancanza di interesse e di investimenti" da parte della Junta de Andalucía nell'area dell'Albaicín, nonché per la "cattiva gestione" dell'Alhambra attraverso il Consiglio degli Amministratori del monumento, i cui amministratori sono stati oggetto di procedimenti legali.

"C'è stata una gestione chiaramente scorretta contro gli interessi del popolo di Granada e dell'Andalusia, sporcando il buon nome dell'Alhambra a livello internazionale", ha sottolineato.

Moreno ha chiesto "trasparenza" nella gestione del monumento e che i settori coinvolti, come gli imprenditori della zona, possano partecipare alla progettazione di strategie commerciali e turistiche.

Il presidente del PP andaluso ha proposto che parte delle entrate generate dall'Alhambra "rimanga a Granada per riabilitare, restaurare e abbellire l'Albaicín", in modo che restituendo queste entrate nell'area "l'intero complesso storico patrimoniale e artistico abbia più potenziale e un'attrazione turistica di livello superiore”.