• Il presidente del PPA è convinto di un anticipo elettorale in autunno perché Díaz "sceglierà il PSOE prima dell'Andalusia"

• Ancora una volta sostiene un accordo di finanziamento e difende i criteri demografici perché "l'Andalusia richiede più risorse per finanziare i servizi"

• Afferma che nel caso ERE sono stati defraudati 741 milioni di euro per "alimentare la macchina del potere socialista"

Il presidente del PP andaluso, Juanma Moreno, ha affermato che "sto uscendo per vincere le elezioni perché si possono vincere, c'è una maggioranza sociale che vuole un cambiamento politico in Andalusia". In un'intervista a Los Desayunos di TVE, Moreno ha evidenziato la "complessità" dell'estrapolazione dei risultati elettorali da 1.200 interviste in una comunità di otto province e 8,6 milioni di abitanti, per cui, nonostante i risultati di Egopa, ha assicurato che "Cittadini è molto lontano dal PP in Andalusia, perché la realtà andalusa non ha niente a che vedere con quella catalana”.

Ha indicato che altri sondaggi, come quello pubblicato da El Mundo, dipingono uno scenario molto diverso, quindi "dobbiamo guardare all'ultimo risultato elettorale con un effettivo conteggio dei voti, in cui il PPA ha ampiamente vinto il PSOE". Ha aggiunto che "anche prima di questo risultato, i sondaggi davano che stavamo perdendo, quindi abbiamo esperienze amare con sondaggi che non sono mai stati corretti".

Juanma Moreno era convinto che ci sarà un anticipo delle elezioni regionali all'autunno del 2017 perché Díaz "sceglierà il PSOE prima dell'Andalusia", come ha fatto nella precedente legislatura. Ha anche sottolineato che "il partner leale e sottomesso che è stato Cs inizierà a prendere le distanze e Díaz non sopporterà molti mesi con una minoranza parlamentare".

Il leader popolare ha anche sottolineato che "il voto per Cs consolida i 40 anni del PSOE in Andalusia perché non c'è mai stato un partner di governo più docile, né la PA né l'IU, perché Cs ha detto sì a tutto quello che voleva al PSOE ". Ha precisato che "Cs ha dato un assegno in bianco al PSOE" e, a differenza di quanto è accaduto, ad esempio, nella Comunità di Madrid, in Andalusia non ci sono stati audit di aziende pubbliche, sul modello della RTVA, ci sono più alti funzionari e la trasparenza non è migliorata.

FINANZIAMENTO

Sulla riforma del modello di finanziamento regionale, Moreno ha espresso ancora una volta la "piena volontà" di raggiungere un accordo con il Psoe, anche se ha avvertito che "ogni volta che ci avviciniamo, il Psoe prende le distanze perché il suo obiettivo fondamentale è isolare il Pp". Ha ricordato che la PPA ha difeso che l'Andalusia è mal finanziata "dal primo minuto" e che la quantificazione del sottofinanziamento deve essere oggetto di "una valutazione rigorosa che non è stata prodotta fino ad ora per scoprire se si tratta di 4.000 o 6.000 milioni di euro".

Ha difeso il criterio della popolazione per calcolare il finanziamento, poiché "con 8,6 milioni di abitanti, l'Andalusia richiede più risorse per finanziare i servizi". Ha anche indicato la povertà e la disoccupazione come criteri da prendere in considerazione.

ERE CASO

Juanma Moreno ha anche definito il caso ERE "un caso molto grave, in cui sono stati defraudati 741 milioni di euro per alimentare la macchina del potere socialista". Ha assicurato che c'era "assoluta collusione di diversi governi per raggiungere l'obiettivo di mantenere il potere". Inoltre, ha rimproverato a Susana Díaz di aver impedito al Consiglio di comparire nel caso e ha rifiutato ogni possibilità di recuperare 741 milioni di euro che appartengono a tutti gli andalusi. Ha sottolineato che, lungi dal chiedere perdono, "Díaz rivendica l'eredità di Chaves e Griñán, che sono i suoi sponsor politici".

A %d blogger come questo: