• "Ora sappiamo quali sono gli sfortunati insulti e insulti di alcuni politici che non nascondono più la loro lunga e noiosa campagna per le elezioni che per espresso desiderio di Sánchez si svolgeranno il 10N"
• "In Andalusia abbiamo un governo impegnato nel dialogo poiché l'unica via per la stabilità e la vita è complicata per risolvere i problemi dei cittadini"

Il portavoce parlamentare del Partito popolare andaluso, José Antonio Nieto, ha indicato che "il governo di Juanma Moreno lavora per gli andalusi mentre altri sono stabilmente in campagna elettorale", e ha dato come esempio l'aiuto del consiglio al popolo colpiti dalla tempesta DANA subita due settimane fa, che cominciano ad arrivare in questi giorni.

Nella seduta plenaria del Parlamento, Nieto ha affermato che "ora sappiamo di cosa si trattavano i movimenti e le critiche esagerate di alcuni politici", che rispondono, come ha indicato, "a una lunga e noiosa campagna elettorale che non si preoccupano più di nascondere ” e che risponde a un'elezione “che per espressa volontà di Sánchez ha una data, il prossimo 10 novembre”.

"Mentre il governo di Juanma Moreno ha lavorato senza ferie o fine settimana liberi, altri si sono dedicati a una campagna di sfortunati insulti e insulti che sono serviti solo a preparare la campagna elettorale".

Per questo il portavoce dei parlamentari popolari ha assicurato che "oggi abbiamo l'assoluta lucidità di chi lavora per risolvere i problemi dei cittadini e di chi lo fa solo per la campagna elettorale".

In questo senso, ha paragonato il governo andaluso al tentativo di Pedro Sánchez di impadronirsi di Moncloa. “Qui abbiamo avuto un governo impegnato nel dialogo, che è l'unico modo per raggiungere la stabilità, e la vita si complica anche risolvendo i problemi degli andalusi; Ebbene, non tutto sta ottenendo il governo, ma anche mettendo gli strumenti per aiutare i cittadini come i bilanci andalusi”.