• Il portavoce del PP nella Commissione Finanze si rammarica del "roller" di PSOE e Cs, che hanno votato insieme contro tutti gli emendamenti che il PP andaluso ha presentato al bilancio del Consiglio per il 2018

• José Antonio Miranda: «Questo è il vero volto di Susana Díaz: orgoglio e disprezzo per l'accordo con il PP»

• Deplora che il bilancio insista ancora un anno su "un modello che ha ampiamente dimostrato il suo fallimento"

Il portavoce del Tesoro del Gruppo Popolare al Parlamento dell'Andalusia, José Antonio Miranda, ha denunciato oggi l'"allergia al dialogo" del PSOE, dal momento che i socialisti hanno ancora una volta "abbattuto", come negli anni precedenti, tutti gli emendamenti che il PP aveva presentato ai Bilanci del Consiglio per il 2018.

"Sin dall'inizio abbiamo offerto il dialogo, e il disprezzo del presidente della Giunta per gli accordi con il Pp ci ha costretti a presentare un emendamento di insieme", ha detto Miranda, il quale ha sottolineato che con i 640 emendamenti parziali che il Pp preparato per il progetto di bilancio dopo aver superato l'intero dibattito, "volevamo il miglior bilancio per l'Andalusia". «Questa è la vera faccia del presidente del Consiglio: arroganza e disprezzo per l'accordo con il Pp. Per questo si è limitata a ottenere i budget per il minimo, con l'appoggio di Cs, e insiste su un modello di budget che ha ampiamente dimostrato il suo fallimento.

Ha affermato che un budget di 35.000 milioni "avrebbe potuto costituire buoni budget per soddisfare le esigenze dell'Andalusia e responsabilizzare la comunità in termini di occupazione e convergenza", a quel punto ha ricordato che la comunità, secondo un rapporto dell'UE, è nella posizione 220 delle 263 regioni studiate. "Abbiamo molto potenziale e talento e abbiamo bisogno di un governo autonomo e di un budget all'altezza del compito", ha aggiunto.

Si è rammaricato che PSOE e Cs "abbiano usato oggi il rullino", e ha chiesto "come è possibile che su 640 emendamenti nessuno meriti almeno lo sforzo di votare 'sì' da entrambe le parti", soprattutto quelli incentrati sugli aspetti di cui gli andalusi sono più preoccupati, come l'abbassamento della pressione fiscale, la creazione di occupazione, il miglioramento delle politiche sociali e il raggiungimento di un'amministrazione più agile ed efficiente.

Il PP manterrà 'vivi' tutti gli emendamenti parziali per il dibattito finale sul disegno di legge.

SINTESI DEGLI EMENDAMENTI

In totale, il PP ha presentato 640 emendamenti che mobilitano risorse per un totale di 2.062 milioni di euro. Tra gli obiettivi di questi emendamenti c'è quello di migliorare la salute andalusa, aumentare le risorse per le infrastrutture sanitarie, rafforzare la gestione ospedaliera e aumentare l'offerta di personale sanitario. Così, un aumento di oltre 144 milioni viene raccolto per costruzione, investimenti e attrezzature in centri sanitari, ospedali e Chares; e 22 milioni per incremento risorse di personale.

Il PP si è impegnato per un aumento del budget dell'Istruzione che prevede oltre 164 milioni per la climatizzazione, l'eliminazione delle aule prefabbricate, la rimozione dell'amianto e un Piano per le infrastrutture educative. Un altro degli emendamenti al bilancio del Miur è l'aumento di 10 milioni di euro per restituire al personale docente dei centri educativi agevolati il ​​totale delle erogazioni straordinarie non percepite dal 2012.

Inoltre, il PP centra un altro blocco di emendamenti alla riduzione delle imposte -con il 99% di bonus dell'Imposta sulle Successioni e Donazioni-; il recupero dei diritti retributivi di tutti i dipendenti pubblici "in maniera agile e non scaglionata".

In Agricoltura, allevamento, pesca e sviluppo rurale, il PP propone di aumentare le voci con oltre 120 milioni; e per le donne nelle aree rurali, si raccomanda un Piano di sostegno con una dotazione di 20 milioni di euro.

Evidenzia inoltre un emendamento di 70 milioni di euro per lo sviluppo di un piano di occupabilità per le donne andaluse.

Allo stesso modo, gli emendamenti a sostegno del tessuto imprenditoriale, delle cooperative, delle PMI e dei lavoratori autonomi -con un aumento per questi ultimi di 8 milioni-; l'aumento di 20 milioni dei trasferimenti alle università per Ricerca e Sviluppo; l'incremento per la prima infanzia in 25 milioni; il rafforzamento in 5 milioni per il servizio di assistenza gratuita; o 184,5 milioni per elevare l'importo del PATRICA, il “debito storico” dell'Ente con i Comuni, fino ai 664,5 milioni che corrispondono a norma di legge.